Ma Qual è Il Responsabile?

cibi biologici

Affinché funzionino: Per proteggerti contro il cancro delle ovaie, dovresti mangiare mezza tazza di cipolle – cotte o crude – ogni giorno. Può sembrare molto, ma la cipolla è un cibo piuttosto versatile. Usane un po’ a pranzo e poi aggiungile al tuo pasto serale: prima che tu te ne accorga ne avrai mangiate a sufficienza per tenere lontano il cancro! P.S.: Per risolvere il problema dell’alitosi, ricorda di spolverare la tua lingua con un po’ di polvere di caffè prima di lavarti i denti. Non farti un caffè, perché non avrebbe lo stesso effetto. Una serie di studi effettuati in Italia hanno dimostrato come mangiare il pesce aiuti a ridurre il rischio di contrarre il cancro delle ovaie, di ben il 30%. Cosa rende il pesce così decisivo nella lotta contro il cancro? Beh, a quanto pare, gli stessi omega 3 capaci di proteggerti da colesterolo e malattie cardiovascolari, sono in grado di proteggerti anche dal cancro. LiveLighter ha messo sotto esame 57 tra cibi e bevande. I risultati hanno portato a 5 alimenti creduti “sani”, che in realtà sono “malsani”. La maggior parte delle persone sa bene che torte, tortine e merendine non sono sane. Il 44 % degli intervistati ha creduto di ovviare il problema dirigendosi su dolci senza glutine. Il fatto che i prodotti siano “gluten free”, non vuol dire che manchino anche di grassi e zuccheri. Il 94 per cento degli esperti in materia sanitaria, hanno affermato che i dolci senza glutine non sono da considerare dietetici. Possono solo fare al caso di chi soffre di intolleranze. Barretta muesli: tra i cibi salutari? Un altro “insospettabile”: la barretta muesli. Quanti genitori credono di far bene a inserirla nello zaino dei figli come merenda? Purtroppo non è così. Solo il 18% degli esperti le considerava cibo salutare. Mentre il 52% degli intervistati credeva fosse un’ottima soluzione alle patatine. Anche in questo caso, i livelli di zuccheri sono alti. E forse per questo sono tanto gradite da grandi e piccini.

  • Semi di lino
  • Il biologico rispetta le piante
  • Pane che contiene bromato di potassio
  • Prediligere sempre l’olio extravergine di oliva
  • 3) codice del produttore

Visciole: Allora, chi di voi non ha in giardino una pianta di visciole? Avevi una pianta di visciole ma l’hai tagliata? Ma perchè l’hai fatto? Forse nessuno vi ha “mai” detto che un potente alimento anti-cancro sono proprio le visciole. Le famose visciole contengono alcune tra le sostanze anti-cancro più sorprendenti e più potenti al mondo. D’estate mi sbizzarrisco sempre a bere succo puro al 100% di visciole direttamente dalle mie piante che non vengono “spruzzate” mai con niente. Naturali e biologiche fino all’osso. Un flavonoide denominato queritrin, sembra essere diventata secondo moltissimi studi una potente arma anticancro. Le visciole hanno alti livelli di acido ellagico, che è sia un anti-cancerogeno sia un composto anti-mutageno. Contiene anche Alcol Perillyl (Monoterpene), sostanza capace di privare le cellule tumorali delle proteine di cui hanno bisogno per crescere. Le visciole sono potentissime piccole “armi” capaci di dare filo da torcere alle cellule cancerogene. Qui un mio vecchio articolo sulle visciole denominato “Proprietà e benefici delle visciole” e un altro famoso articolo “10 benefici delle visciole“. Zenzero: Lo utilizzo spesso in polvere una puntina di cucchiaino da caffè mischiato in acqua. Ha un sapore veramente “medicamentoso” che ad essere sincero non piace.

Da tempo ormai sappiamo che qualcosa, nell’equilibrio naturale, si stia disgregando e che dobbiamo correre ai ripari finchè siamo in tempo. Ma sappiamo esattamente che cosa si intende per cibo biologico e quali sono le differenze con altri prodotti definiti semplicemente “naturali” o genericamente “integrali”? Facciamo un po’ di chiarezza sulle parole ma anche sui marchi e gli enti autorizzati a certificare i prodotti veramente “bio”. L’agricoltura ecocompatibile esprime la generica tendenza alla compatibilità ambientale e, nell’iter produttivo, integra un impiego minimo di prodotti chimici con l’uso controllato di insetti che si nutrono dei parassiti delle piante funzionando di fatto come degli antiparassitari naturali. La dicitura “ecocompatibile” per ora non ha riconoscimento dal punto di vista della normativa comunitaria, ma alcune regioni e province italiane hanno già istituito dei marchi collettivi con cui si qualificano i prodotti derivati da questo tipo di agricoltura. Il prodotto deve essere venduto con l’etichetta Agricoltura Biologica (riportata qui sotto) o Allevamento Biologico/Regime di controllo CEE. Senza questa dicitura, il prodotto non è cibo biologico. Controllare che l’etichetta riporti la data (di raccolta, produzione, macellazione), la sigla del paese di provenienza, la sigla dell’ente certificatore, un codice dell’azienda e uno per la partita del prodotto. I prodotti biologici non sono mai distribuiti in contenitori di plastica o di altro materiale sintetico.

Queste infatti forniscono una serie di grassi utili e sani. Ma attenzione a non esagerare con le quantità. Infatti, solo perché i grassi contenuti nelle noci sono sani non vuol dire che se ne possano mangiare quante se ne vuole. Una porzione di noci è pari ad 1 oncia (vedi nota 1 alla fine dell’articolo). Questa porzione è pari, in media, a circa 7 noce, 24 mandorle, 35 arachidi, 18 anacardi o 7 noci pecan. Prova l’olio di oliva sia per cucinare che per condire l’insalata. L’olio oliva, infatti è ricco di grassii “buoni”. Ricorda, però: è sempre meglio controllare le quantità di grassi che si mangiano, anche se questi rientrano nella categoria dei grassi sani. Quindi, prova a cucinare una ricetta con meno olio di quanto ne chiede. O, meglio ancora, utilizza l’olio d’oliva spray per limitare le quantità. In cottura, è possibile utilizzare il succo di mela per metà dell’olio di oliva dell’olio per tagliare i grassi e le calorie. Le verdure a foglie verdi come spinaci, cavoli e cavolini di Bruxelles contengono omega-3. Poichè il nostro corpo non è in grado di sintetizzare questi grassi, è necessario assumerli attraverso il cibo.

Dall’AIRC ci vengono dettati i cibi consigliati e quelli da evitare, secondo la ricerca, per prevenire nel miglior modo possibile il cancro. Si sa che un’alimentazione sana è alla base della salute generale. Un’alimentazione sana tiene alla larga le malattie del cuore e quelle tumorali, è quanto descritto dalla Associazione Italiana per la ricerca sul cancro. Lato opposto, per prevenire nel modo migliore il cancro, occorre portare a tavola 5 porzioni di frutta e 5 porzioni di verdura al giorno. Secondo l’AIRC, occorre privilegiare anche la scelta di cereali, pane, pasta e riso ma quelli integrali e abbinarli quasi sempre a un po’ di legumi. L’abbinamento corretto di cereali integrali e determinati legumi creano un apporto di proteine nobili al nostro organismo, perché gli aminoacidi degli uni vanno a completarsi con gli aminoacidi degli altri, creando appunto, delle proteine complete. Inoltre, i piatti che associano cereali e legumi, tipici della cucina tradizionale di molte popolazioni del mondo, permettono di coprire il fabbisogno calorico e proteico, limitando il bisogno di ricorrere alle proteine animali. E’ importante tenere a mente che i “cibi dietetici” sono parte di una vasta “industria del fare soldi”. Le compagnie vogliono che voi crediate che le loro barrette, i loro frullati e i loro biscotti con pochi grassi siano il cibo dietetico che fa per voi, in modo da dimagrire senza privarvi delle cose che vi piacciono. Inoltre, esse provano a far leva sul vostro stile di vita indaffarato, sostenendo che il loro cibo vi permette di non dover passare il tempo a cucinare. Non lasciatevi ingannare. La dieta più salutare è composta da cibo fresco cucinato in modo da usare grassi sani. Scegliere cibi dietetici sani non vi aiuta solo a perdere peso, ma fa molto di più. Le vitamine E e C contenute nella frutta, nella verdura e nelle noci agiscono da antiossidanti proteggendo il nostro corpo dai danni causati dai radicali liberi. I grassi salutari contenuti nelle noci e nell’olio migliorano il colesterolo nel sangue. Le proteine magre aiutano a costruire i muscoli senza aggiungere grassi saturi in eccesso, che potrebbero danneggiare le arterie. Tutte queste cose operano insieme per mantenere il corpo sano e per ridurre il rischio di malattie. Scegliere cibi dietetici salutari aiuta a ridurre il rischio di infarto, di diabete e di alcuni tipi di cancro.