Ricche Di Potenti Antiossidanti E Vitamine

cibi anti cancroLo sapevate che le carote sono tra i migliori cibi anticancro? L’alimentazione come sosteniamo da tempo è un arma fondamentale nella lotta contro il cancro e uno dei modi migliori per prevenire il cancro è aggiungere le carote alla tua dieta. Ricche di potenti antiossidanti e vitamine, aiutano drasticamente ad eliminare le insidiose cellule cancerogene nel nostro corpo. Uno dei principi naturali più attivi contenuti nelle carote è il betacarotene. Consumare più carote per avere polmoni privi di cancro. Siate sicuri di selezionare carote con un colore scuro e profondo perché contenenti grandi quantità di beta carotene. Uno degli studi mostra che le donne che consumano regolarmente carote hanno un tasso di cancro al seno minore rispetto a coloro che se ne nutrono raramente. Le carote contengono l’acido retinoico che è un derivato della Vitamina A. Svariate ricerche dimostrano che questa sostanza dimostra una capacità fantastica nel combattere il cancro nei primi stadi della malattia. Gli studi inoltre dimostrano che l’acido retinoico può sopprimere l’accumularsi delle cellule cancerogene che vanno poi a formare i tumori. I Carotenoidi sono sostanze liposolubili e forti antiossidanti che si trovano nelle verdure dal colore arancione e verde scuro. Molte ricerche inoltre hanno confermato i benefici degli alimenti ricchi di carotenoidi, come le carote per il cancro al seno. Un ulteriore proprietà dei carotenoidi è il combattere i radicali liberi dell’ossigeno che sono responsabili per il cancro al seno e il suo sviluppo. Altri studi affermano che l’eccessivo consumo di carote in quantità estremamente elevate causa un eccesso di beta carotene che può essere una causa per il cancro. Ma questi studi non sono attualmente completamente provati e di fatto le carote contengono Falcarinol, un pesticida naturale che si trova nelle piante, che si è dimostrato in grado di abbassare radicalmente il rischio di cancro nelle persone. Il Falcarinol è un poliacetilene, antiossidante e la ricerca evidenzia la distruzioni di cellule pre-cancerogene nei tumori, prevenendo il cancro.

  1. Ispettivo, tramite ispezioni con tecnici qualificati presso le aziende agricole
  2. Dadi di carne
  3. La frutta non bio
  4. Mangiare molta frutta fresca, soprattutto pere, banane e mele (con la buccia)
  5. Se mangio Biologico evito gli OGM
  6. Cipolle e porri
  7. Fumo di sigarette attivo
  8. Le sardine fresche (4,10 gr di Omega 3 per 100 gr!)

Quali sono i cibi più salutari del mondo? Una domanda a cui sarebbe importante dare una risposta precisa, se vogliamo badare al nostro benessere generale. Ci sono molti studi scientifici sull’argomento, ma non c’è un accordo fra tutte queste ricerche, perché ciascuna di esse ci propone alimenti differenti, che si distinguono per proprietà benefiche varie. In ogni caso proviamo a fare una classifica dei cibi più in grado di apportare benefici alla salute. I mirtilli hanno delle proprietà antiossidanti, che li rendono dei frutti adatti per combattere i radicali liberi e per esercitare un’adeguata azione di prevenzione nei confronti dell’invecchiamento cellulare. Da questo punto di vista sono davvero un elisir di giovinezza. Inoltre sono ricchi di fibre e per questo aiutano la digestione e la motilità intestinale. Il succo di mirtilli nella dieta è utile per dimagrire. I semi di chia sono davvero ricchi di proprietà curative e dovrebbero rientrare come elementi d’eccellenza nell’ambito di un’alimentazione sana. I semi di chia infatti contengono molti omega 3, proteine e fibre. Esso aiuta ad apportare calcio e vitamina D, in grado di ridurre i rischi legati a malattie cardiache. Il latte, inoltre, previene la formazione di tumori al seno, al colon e alle ovaie, come dimostrato da una ricerca dell’Università di San Diego (California). Bacche di Goji: benché vi siano dibattiti molto accesi sulle loro proprietà, le bacche di Goji devono essere inserite nella lista degli alimenti salutari per via della loro naturale propensione a ripristinare l’energia e a contrastare la depressione e l’ansia. Inoltre, se assunte regolarmente, permettono di ridurre la percezione della stanchezza. Fiocchi d’avena: spesso consumati a colazione, uno degli alimenti salutari che ogni donna dovrebbe consumare sono i fiocchi d’avena. Essi, grazie all’altissimo contenuto di fibre solubili, riescono a mettere in movimento l’organismo, prevenendo i casi di irregolarità. Inoltre, permette di ridurre il rischio di sviluppo del diabete, riducendo, al tempo stesso, la sensazione di fame. Mele: il migliore degli alimenti salutari amici della bellezza femminile è la mela. Essa permette di contrastare eventuali sindromi metaboliche, la pressione alta e a contrastare il colesterolo cattivo. Inoltre, grazie all’altissimo contenuto di carboidrati raffinati, le mele permettono di raggiungere prima il senso di sazietà, senza rischi per la silhouette.

Una sana alimentazione protegge dallo sviluppo dei tumori e previene l’insorgere di recidive. FAVE VERDI: forniscono 40 kcal/ 100 gr, contrariamente alle 340 kcal/100 gr di quelle secche, sono formate per l’84% da acqua e in esse si trova un amminoacido chiamato L-Dopa, che alza la concentrazione di dopamina nel cervello. Si tratta di una sostanza utilizzata in alcuni farmaci per curare il Parkinson. Secondo uno studio australiano della Charles Sturt University, alcuni componenti dei fagioli di fava del tipo Nura e Rossa sono attivi contro 5 linee di cellule tumorali. L’effetto antitumorale sarebbe dovuto ai composti fenolici, sostanze chimiche che regolano la colorazione dei vegetali, contenute nei tegumenti e nei baccelli dei fagioli. I ricercatori hanno verificao l’effetto di questi composti su 5 tipi di tumore (cancro alla vescica, stomaco, fegato, colon e leucemia promielocitica acuta), constatando che dopo 24 ore dalla loro applicazione, la percentuale di replicazione cellulare si era notevolmente abbassata.

cibi biologiciSpinaci e verdure a foglia verde. Conosciute anche come patate americane, le patate dolci sono un’ottima fonte di fibre alimentari, vitamine, soprattutto A e B6, e sali minerali, in particolare il potassio che regola la pressione arteriosa. Inoltre hanno un basso indice glicemico, ideali quindi per chi soffre di diabete, anche grazie al contenuto di carotenoidi. Questi preziosi tuberi aiutano anche a prevenire l’anemia e a rinforzare il sistema immunitario, oltre a contrastare l’azione dannosa dei radicali liberi a ridurre l’insorgenza di malattie cardiovascolari. Tra i cibi più salutari del mondo troviamo anche i semi di lino, alimenti ricchi di fibre che, oltre a favorire la regolarità intestinale, aiutano ad abbassare il colesterolo e a stabilizzare i livelli di zuccheri nel sangue. Contengono poi Omega 3, benefici per il cuore e utili per la prevenzione dei tumori. I semi di lino, però, per essere consumati devono essere macinanti, in quanto il nostro corpo non è in grado di digerirli così come sono: potete metterli nello yogurt, nel frullato, nell’insalata o nelle zuppe. Se poi volete fare il carico di antiossidanti potete consumare anche i semi di chia, ottimi anche contro il colesterolo cattivo (LDL) e per chi soffre di celiachia.

Un’alimentazione di questo tipo protegge soprattutto il colon-retto, limitandone di molto le probabilità di incorrere nel cancro del colon. L’ AIRC tiene a sottolineare che un posto d’onore tra i legumi va attribuito alla soia. La soia tutt’oggi può essere consumate in varie forme due punti da latte, dalle fave, alla farina, al tofu fino alla soia fermentata. Leggi anche : Da dove viene il cancro? Anche da questi additivi alimentari. Dalla cucina orientale dovremmo imparare anche a consumare regolarmente i cibi a base di alghe, cui molti esperti attribuiscono la bassa incidenza di alcuni tumori nelle popolazioni asiatiche, soprattutto giapponesi. Salutari sono anche i semi di lino, ricchi di omega-3, ottimi per prevenire sia il cancro sia le malattie cardiovascolari, di cui sono ricchi anche molti tipi di pesce, come sardine e salmone. Hanno riconosciute proprietà anticancro anche l’aglio e cipolla, come le altre piante di questa famiglia; e i funghi, non solo quelli giapponesi ma anche quelli nostrani, in particolare il Pleurotus ostreatus detto anche “orecchione“. Da evitare soprattutto le carni rosse (manzo, maiale e agnello) e quelle lavorate a livello industriale. Un eccessivo apporto di carni rosse mette a rischio soprattutto l’intestino, ma varie ricerche mostrano che aumenta la possibilità di sviluppare anche altre forme di cancro, per esempio alla vescica o allo stomaco.